Premio Teatro e Shoah

A partire dal 2006 il CeRSE bandisce, con cadenza biennale, il Premio “Teatro e Shoah” per testi teatrali originali che abbiano come tema o come implicito riferimento, nel passato o nel presente, la Shoah e la sua memoria.

Dedicato alla memoria di Gillo Pontecorvo, nelle ultime edizioni il Premio si è esteso al cinema e alla musica.

Di seguito i vincitori delle diverse edizioni.

VI edizione del Premio “Teatro, Musica e Shoah” (2017 – Premiazione 14 marzo 2017). 

Vincitore per la sezione Teatro: Massimiliano Carmelo Finorio con Ben. La mia vita attaccata ad un filo. 

Vincitore per la sezione Musica: Ludovico Peroni con Il sognatoio.

V edizione del Premio “Teatro, Cinema e Shoah”  (2015 – premiazione 5 maggio 2016). 

Vincitore: Giovanni Ortoleva  per Quattro paesaggi con figure.

IV edizione del Premio “Teatro, Cinema e Shoah”  (2013 – premiazione 27 gennaio 2014).

Vincitore:  Alessandro Izzi per “ I topi nel muro”.
Menzione speciale: Stefania Pillon, Binario morto (per la partenza)

Sezione cinema:
1° premio: Istituto Comprensivo Sarnelli De Donato Rodari di Polignano a Mare (Bari) Pro-Memoria, una riflessione sulla Shoah. Menzione speciale: Roberto Attias  13419,la necessità del ritorno

III edizione del Premio di drammaturgia “Teatro e Shoà ” (2010 – premiazione 6 ottobre 2011).

Vincitore: Matteo Bacchini per La lunga cena di pasqua. Secondo premio: Ferdinando Crini per Actus tragicus.

II edizione del Premio di drammaturgia “Teatro e Shoah ” (2008 – premiazione 6 aprile 2009). 

Vincitrice: Laura Forti.

I edizione del Premio di drammaturgia “Teatro e Shoah” (2006 – premiazione  24 marzo 2007), dedicato alla memoria di Gillo Pontecorvo.

Vincitore: Giuseppe Adduci perLa farfalla sucullo.